Seguici su

Cybersicurezza

Il futuro della privacy

Il nuovo report di IAS ha rilevato che la maggior parte degli esperti di media è preoccupata per il cambiamento delle politiche che influiscono sugli acquisti di media digitali

Pubblicato

il

Privacy dei dati

Integral Ad Science (Nasdaq: IAS), leader globale nella qualità dei media digitali, ha pubblicato il report 2022 Future of Privacy-First Advertising. In collaborazione con YouGov e una società di ricerche di mercato, IAS ha intervistato 1.131 consumatori e 346 esperti di media digitali sul loro punto di vista in merito ai futuri cambiamenti in materia di dati online e privacy, al futuro del targeting degli annunci e al modo in cui le soluzioni di media quality possano consentire ai marketer di fornire risultati.

I risultati hanno fatto emergere le sostanziali preoccupazioni dei consumatori per quanto riguarda la sicurezza delle loro informazioni personali online, la mancanza di consapevolezza della legislazione sulla privacy dei dati per regolamentare la raccolta e l’uso dei loro dati personali e gli alti livelli di disagio per l’utilizzo dei loro dati online per scopi pubblicitari.

“Con le imminenti modifiche alle politiche sulla privacy e sui dati online, la privacy continua a essere una priorità sia per i consumatori che per gli esperti di media”, ha affermato Yannis Dosios, Global Chief Commercial Officer (CCO) di IAS. “IAS è in grado di contribuire ad alleviare le preoccupazioni legate alla transizione delle norme sulla privacy grazie alle nostre soluzioni di targeting contestuale che aiuteranno gli inserzionisti a raggiungere il loro pubblico ideale su scala, il tutto nel rispetto della loro privacy.”

Il report analizza il divario tra l’importanza della comprensione delle norme sulla privacy dei dati da parte dei professionisti dei media, il loro grado di preoccupazione per l’impatto delle norme sul loro lavoro e ciò che le organizzazioni stanno effettivamente facendo per affrontare questi cambiamenti. Il report esamina anche come i brand stiano attualmente affrontando la deprecazione dei cookie attraverso strategie pubblicitarie contestuali e orientate alla privacy che si rivolgono ai consumatori senza utilizzare i dati personali.

Elementi chiave sulla privacy dei dati

Secondo il report, questi elementi chiave guideranno l’approccio alla privacy dei dati da parte degli inserzionisti nel prossimo futuro:

  • La privacy dei dati online è essenziale per i consumatori, ma la loro fiducia nella sicurezza dei dati online è scarsa. Sebbene i consumatori concordino sul fatto che la privacy dei dati è una priorità, solo la metà (50%) si sente sicura della sicurezza dei propri dati online quando naviga su internet. Inoltre, oltre due terzi (67%) dei consumatori affermano di essere più attenti che mai ai propri dati online e privacy.
  • I consumatori sono consapevoli delle diverse strategie di targeting. Tuttavia, possono sentirsi a disagio nell’usare i propri dati per scopi pubblicitari. Nove consumatori su dieci (90%) sanno che i siti web e le app raccolgono e condividono i loro dati per scopi pubblicitari, ma la maggior parte (68%) si sente ancora a disagio nonostante la personalizzazione. I brand hanno l’opportunità di spostare l’esperienza degli annunci mirati in modo che sia guidata dalla rilevanza contestuale, portando a un’esperienza più positiva per i consumatori e maggiori risultati per gli inserzionisti.
  • Nonostante la maggior parte degli esperti di media sia preoccupata per l’evoluzione delle politiche sulla privacy, molti non sono informati su tali politiche e la maggior parte non ha una strategia chiara per gestirle. Quasi due terzi (62%) degli esperti di media concordano sul fatto che quest’anno la comprensione della privacy dei dati è una priorità, con la stragrande maggioranza (89%) che afferma che la privacy relativa alle informazioni di identificazione personale (Personally Identifiable Information – PII) è  per i brand al primo posto. Tuttavia, solo circa la metà degli esperti di media digitali ha familiarità con gli argomenti relativi alle politiche sulla privacy riguardanti i browser (53%), le normative (51%) o gli identificatori dei dispositivi mobili (45%). Inoltre, quasi un terzo (29%) degli esperti di media afferma che la propria azienda non ha fatto nulla per gestire imminenti cambiamenti delle policy; solo il 36% ha dichiarato di aver assegnato un team per la gestione dei cambiamenti.
  • I brand dovrebbero allineare gli annunci con contenuti contestualmente rilevanti, in grado di entrare in sintonia con i consumatori man mano che le politiche sulla privacy cambiano. Due terzi (66%) dei consumatori hanno dichiarato che è probabile che visitino il sito web di un brand o di un prodotto dopo aver ricevuto un annuncio pubblicitario mirato. Il targeting contestuale è un’opzione semplice per gli inserzionisti, considerando le preoccupazioni dei consumatori in materia di privacy e il desiderio di rilevanza; solo il 29% degli esperti di media ha implementato questa strategia. La maggior parte degli esperti di media (51%) concorda sul fatto che le soluzioni di media quality diventeranno sempre più importanti per garantire il raggiungimento del pubblico giusto e che gli acquirenti e i venditori di annunci devono collaborare attivamente durante i cambiamenti della privacy.

 

Clicca per commentare

Tu cosa ne pensi?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.