Seguici su

Cybersicurezza

Kaspersky Embedded Systems Security supporta Linux

La costante crescita nella richiesta di sistemi Linux richiede una protezione specifica e ottimizzata

Pubblicato

il

Security System (© Depositphotos)
Security System (© Depositphotos)

Kaspersky ha aggiunto il supporto per Linux a Kaspersky Embedded Systems Security. Questa soluzione adattabile e multi-livello offre una protezione ottimizzata per sistemi, dispositivi e ambienti integrati basati su Linux, in conformità con i rigorosi standard normativi spesso applicabili a questi sistemi. Il prodotto garantisce una protezione ottimale a tutti i dispositivi – a prescindere dal livello di potenza – contro le ultime minacce informatiche che colpiscono gli attuali sistemi Linux.

Secondo un recente report di Fortune Business Insights, il mercato globale di Linux valeva 5,33 miliardi di dollari nel 2021, ma si prevede in crescita fino a raggiungere 22,15 miliardi di dollari entro il 2029, con un tasso di incremento annuo composito del 19,8%. Concorrenziale dal punto di vista dei costi e capace di funzionare su un’ampia gamma di dispositivi hardware, Linux ha acquisito popolarità tra i sistemi embedded commerciali delle grandi aziende e delle infrastrutture critiche, tra cui banche, punti vendita al dettaglio e strutture sanitarie, e si prevede che la sua adozione crescerà significativamente nei prossimi anni.

Questa crescente diffusione sta attirando l’attenzione dei criminali informatici, che stanno sviluppando nuovi malware specializzati per queste piattaforme. Kaspersky ha registrato più di 14,5 milioni di attacchi automatici network-based su Linux nella prima metà del 2023. Questi attacchi – risultato di malware auto-distribuiti che si diffondono attraverso la rete – sono i preferiti dagli aggressori che vogliono sfruttare le vulnerabilità interne dei sistemi embedded. Nello stesso periodo, Kaspersky ha scoperto 260.000 nuovi file unici malevoli, pari a una media di oltre 1.400 nuovi file distribuiti dagli hacker ogni giorno. È chiaro che le aziende debbano impegnarsi a proteggere i propri dispositivi embedded basati su Linux.

Come proteggersi

Kaspersky ora offre un’ampia gamma di funzioni di sicurezza per rispondere alle specifiche piattaforme embedded Linux-based. Una protezione rigorosa per i dispositivi embedded autonomi (ATM, distributori automatici, ecc.) si combina con ulteriori livelli configurabili in modo flessibile, progettati per gestire le maggiori superfici di attacco dei sistemi embedded con livelli di potenza più elevati, come elettronici digitalizzati e sistemi sanitari.

Questo approccio di protezione multilivello consente di modificare l’implementazione in base a configurazioni e scenari specifici, ottimizzando le prestazioni con protezione su misura per gli scenari di minaccia rilevanti per ogni caso d’uso specifico. Il rischio di attacchi con infezione diretta su dispositivi accessibili al pubblico è contrastato da efficaci funzionalità di autoprotezione e di Integrity Monitoring.

Inoltre, gli Application e Device Control prevengono gli attacchi basati sull’uso di periferiche e applicazioni non richieste e l’esecuzione di strumenti illegali. L’Integrity Monitoring, insieme alla gestione centralizzata degli eventi e all’integrazione di capacità SIEM di terze parti, aiuta le aziende che lavorano con dati finanziari e personali preziosi e sensibili a soddisfare i requisiti di compatibilità e responsabilità imposti da normative come PCI/DSS, SWIFT CSCF HIPAA, ecc.

Le dichiarazioni di Kaspersky

“Oggi, il numero delle soluzioni specializzate presenti nel mercato per proteggere i dispositivi embedded Linux-based è irrisorio rispetto all’offerta per dispositivi Windows. Allo stesso tempo, sempre più produttori e sviluppatori di sistemi hardware optano per le piattaforme Linux. Utilizzare app generiche di progettazione con i dispositivi embedded di Linux è piuttosto rischioso in termini di sicurezza, perché questi sistemi hanno le loro specificità, nonché elevati standard normativi e di sicurezza dei dati. Per rispondere al bisogno crescente di sistemi di sicurezza embedded Linux-based, abbiamo creato una soluzione specializzata, integrata gratuitamente in Kaspersky Embedded Systems Security.

In questo modo il nostro prodotto può essere utilizzato facilmente in infrastrutture eterogenee da parte di aziende che vogliono adottare i nuovi dispositivi Linux pur continuando a utilizzare ancora le vecchie macchine Windows. Proprio come la corrispondente versione per Windows, l’applicazione di sicurezza Linux-based di Kaspersky Embedded Systems Security è stata testata su piattaforme integrate basate su Linux e adattata alle loro specifiche, permettendo ai nostri clienti di beneficiare di architetture potenti, ma convenienti, senza scendere a compromessi sulla sicurezza”, ha dichiarato Oleg Gorobets, Senior Global Product Marketing Manager di Kaspersky.

Clicca per commentare

Tu cosa ne pensi?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *