Seguici su

Startup

Orangogo: anche Banca Patrimoni Sella investe nel “Google degli Sport made in Italy”

Anche il gruppo biellese partecipa all’aumento di capitale di 1,5 M€ di Orangogo, il primo motore di ricerca degli sport in Italia. Per la startup si tratta del terzo round di finanziamento

Pubblicato

il

Ciclisti orangogo

Sono oltre 20 milioni gli italiani che dichiarano di praticare uno o più sport con continuità (24,4%) o saltuariamente (9,8%)*; oltre 100mila le società sportive diffuse sul territorio nazionale e, ormai da tempo, l’80% delle persone compie una ricerca online prima di recarsi in una struttura sportiva.(*Fonte:Istat) Soprattutto nell’era post Covid-19, la digital transformation si conferma una leva di sviluppo imprescindibile anche per il mondo dello sport che, a sua volta, gioca un ruolo cruciale nell’ambito della promozione di salute e inclusione e nel percorso di ripresa economica del nostro Paese.

Cos’è Orangogo

È dal 2017 che Giulia Pettinau lavora per ripensare il settore sportivo italiano come network digitale, con Orangogo. La piattaforma, attraverso una mappatura capillare, permette alle società sportive di pubblicare corsi e agli utenti di cercare, trovare, prenotare e pagare online le attività sportive preferite in maniera gratuita, trasparente e inclusiva.

Orangogo chiuderà il 31 dicembre un aumento di capitale di 1,5 M€ a cui hanno concorso capitali privati, tra cui Banca Patrimoni Sella & C Spa.   “L’ingresso di Sella è un importante traguardo – ha dichiarato la founder di Orangogo Giulia Pettinau – ma anche un nuovo punto di partenza.  Per crescere ed espanderci sempre più velocemente, oltre a reperire il capitale necessario, è fondamentale attrarre partner di valore che siano portatori di know-how, network e capacità di innovare.”

Un parterre di investitori prestigioso e variegato quello che ha creduto nel progetto imprenditoriale di Giulia Pettinau, che nei due round precedenti ha raccolto in equity 1,4 M€.   Tra questi spiccano l’ex atleta di Coppa del Mondo di sci Giorgio Gros, il single Family Office Elysia Capital, fondato nel 2018 da Stefano Buono e Maribel Lopera Sierra, e importanti Business Angel come Giovanni Savio, Global CEO e Fondatore di Planet Smart City.

Gros: «La forza di Orangogo è nella rete»

Dal turismo alla trasformazione digitale, lo sport è ricco di opportunità e sfide da cogliere per il benessere collettivoha affermato Giorgio Grossia sul fronte economico che sociale. La forza di Orangogo è nella rete, unire le persone e fare squadra per un obiettivo comune, in questo caso, promovere il diritto allo sport per tutti.”

Savio: «Verso un futuro che è già presente»

Anche lo sport vuole e deve evolversi in una prospettiva digitale, sostenibile e inclusiva ha spiegato Giovanni Savio di Planet Smart Citynon solo per crescere, ma per sopravvivere. Internalizzare questi aspetti nelle proprie strategie di business è ormai diventata una condizione necessaria, indipendentemente dal settore in cui si opera. Orangogo offre alle persone e, soprattutto, allo straordinario patrimonio associazionistico sportivo italiano, una preziosa via di accesso economicamente e tecnicamente sostenibile verso un futuro che è già presente, dall’Agenda 2030 alle scelte individuali.”

Il round, che si chiuderà il 31 dicembre 2022, è cruciale per Orangogo e ha l’obiettivo di sostenere l’azienda nello sviluppo sul mercato italiano, grazie al rafforzamento dei team marketing e commerciale, anche coinvolgendo direttamente le Federazioni Sportive, grazie alla collaborazione con FF Consulting.  A breve, poi, sarà lanciata l’app Orangogo: uno strumento integrato, aggiornato, sicuro per una gestione ancora più facile di iscrizioni e servizi come prenotazione, check-in, pagamenti e rinnovi.  Inoltre, il team R&D sta lavorando con Halalto, spin-off accademico dell’Università di Torino, Facoltà Economia e Management, per offrire funzioni di contabilità avanzata e porsi come punto di incontro, affidabile e certificato, tra società sportive e commercialisti.

Clicca per commentare

Tu cosa ne pensi?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.