Seguici su

Economia digitale

Nel 2021 numeri record per i processi di digitalizzazione

Con 27,4 milioni di identità Spid attivate e quasi 26 milioni di carte d’identità elettronica rilasciate, cresce il numero di persone che utilizzano l’identità digitale per accedere ai servizi online pubblici e privati

Pubblicato

il

Una pubblica amministrazione alleata di cittadini e imprese è sempre più realtà: nel 2021 i numeri della digitalizzazione hanno registrato i loro massimi storici. Con 27,4 milioni di identità Spid attivate e quasi 26 milioni di carte d’identità elettronica rilasciate, cresce il numero di persone che utilizzano l’identità digitale per accedere ai servizi online pubblici e privati. Queste le cifre fornite dal ministero per l’Innovazione tecnologica e la Transizione digitale.

Solo con Spid gli accessi dell’ultimo anno sono stati 570 milioni, 22 milioni sono le autenticazioni con Cie, in significativo aumento rispetto al 2020.

Importante anche la crescita dell’App Io, scaricata 24,5 milioni di volte, con 1 milione di download mensili e più di 6 milioni di utenti in media. Oggi sull’applicazione sono disponibili 77 mila nuovi servizi, il 98% del totale fornito dai Comuni. Continua anche l’incremento dei pagamenti elettronici tramite la piattaforma pagoPa.

Solo nel mese di dicembre, il Paese ha registrato transazioni record con 22,5 milioni di operazioni andate a buon fine, per un controvalore pari a 4,3 miliardi di euro. Le transazioni sono state effettuate da oltre 10 milioni di utenti, di cui mezzo milione di imprese. Per quanto riguarda gli Enti, il 99,4% dei Comuni italiani promuove il pagamento dei propri servizi tramite pagoPA.

Infine, nell’anno che ha visto debuttare i primi certificati digitali anagrafici, l’Italia registra nell’Anagrafe Nazionale della Popolazione Residente 7.902 comuni.

Una pubblica amministrazione alleata di cittadini e imprese è sempre più realtà: nel 2021 i numeri della digitalizzazione hanno registrato i loro massimi storici. Con 27,4 milioni di identità Spid attivate e quasi 26 milioni di carte d’identità elettronica rilasciate, cresce il numero di persone che utilizzano l’identità digitale per accedere ai servizi online pubblici e privati. Queste le cifre fornite dal ministero per l’Innovazione tecnologica e la Transizione digitale.

Solo con Spid gli accessi dell’ultimo anno sono stati 570 milioni, 22 milioni sono le autenticazioni con Cie, in significativo aumento rispetto al 2020.

Importante anche la crescita dell’App Io, scaricata 24,5 milioni di volte, con 1 milione di download mensili e più di 6 milioni di utenti in media. Oggi sull’applicazione sono disponibili 77 mila nuovi servizi, il 98% del totale fornito dai Comuni. Continua anche l’incremento dei pagamenti elettronici tramite la piattaforma pagoPa.

Solo nel mese di dicembre, il Paese ha registrato transazioni record con 22,5 milioni di operazioni andate a buon fine, per un controvalore pari a 4,3 miliardi di euro. Le transazioni sono state effettuate da oltre 10 milioni di utenti, di cui mezzo milione di imprese. Per quanto riguarda gli Enti, il 99,4% dei Comuni italiani promuove il pagamento dei propri servizi tramite pagoPA.

Infine, nell’anno che ha visto debuttare i primi certificati digitali anagrafici, l’Italia registra nell’Anagrafe Nazionale della Popolazione Residente 7.902 comuni.

Clicca per commentare

Tu cosa ne pensi?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.